Ribnik e Gacka 2019

22 maggio 2019

ribnik2Ogni anno si profila il momento tanto atteso, la gita di pesca fuori porta, che generalmente avviene all’estero per i motivi  più disparati: la scarsa considerazione delle gestioni italiane, per cercare i fiumi più belli, la cattura della vita o gli sfarfallamenti più copiosi. Ognuno di noi trova ogni anno, la propria motivazione per partire.

Per quanto mi riguarda uscire dall’Italia e trovarsi in un contesto lontano da casa conoscere culture diverse, abitudini diverse e vedere posti nuovi ne vale sempre la pena.

ribnik1Impegni inderogabili costringono il gruppo a dividersi quindi in avanscoperta partiamo solo in tre gli altri raggiugeranno la meta nel weekend successivo. Stiamo parlando del Gacka meta tradizionale di maggio per il nostro club.

Io, Roberto e Andrea ci mettiamo il tempo di un caffè per decidere che la gita potesse essere prolungata di un paio di giorni così da poter fare la nostra prima esperienza sul RIBNIK, famigerato fiume Bosniaco famoso per i suoi temoli e le sue schiuse.

mayfly1

pleco1

Ci basta una mail per prenotare il lodge

direttamente dai gestori della concessione LTG, quindi a mezzanotte del martedì 21 maggio macchina carica e si parte.

IsoperlaRed spinnerIl viaggio anche se lungo è stato scorrevole e nonostante fossimo svegli dalla mattina precedente, la vista del fiume ha fatto sparire la stanchezza e sorgere la smania di infilarsi i waders…non prima però di aver mangiato un buon piatto di pasta per colazione.

Nonostante le abbondanti piogge avessero alzato i livelli del fiume, la prima cosa che ci ha colpito del Ribnik è la quantità spropositata di insetti, tutto il giorno persiste una differenziata fase di schiusa.

Oltre a questo si aggiungono scorci di natura selvaggia un verde accecante e acqua ovunque.

Tricotteri accoppiamentoLa fauna ittica è imbarazzante, la quantità di temoli che abbiamo visto in questo fiume credo sia unica, ciononostante la misura non ne risente. Ci sono pezzature che superano i 50 tranquillamente.

Per quanto riguarda le trote sono la minoranza ma i colori sono stupendi e anche in questo caso girano delle vere ‘navi’.

Ormai siamo dei moschisti con una discreta esperienza e ci sentiamo in grado di affrontare situazioni diverse e talvolta complicate, ma tutto ciò non basta:  il Ribnik sa rivelarsi un fiume ostico.

Complici i livelli alti i temoli non hanno nessuna intenzione di mettersi in attività di superficie di conseguenza, per gli amanti della secca come noi, i risultati in termini di catture non sono esaltanti…ma tutto sommato nei due giorni di pesca effettuati per tutti e tre non sono mancate le catture.

Il fiume comunque ci ha stregato e non vediamo l’ora di tornarci con i livelli più consoni per la pesca a secca.

fario gackaSaliamo in macchina direzione Otocac, io e Roberto conosciamo già il Gacka e cominciamo a tessere le trame di possibili scenari di pesca ad Andrea alla sua prima esperienza su questa splendida risorgiva.

Il fiume non tradisce le attese. In tre giorni di pesca abbiamo trovato diverse situazioni favorevoli con sfarfallamenti imponenti di tricotteri e pesce in frenesia, su quelli veri. Schiuse iridea bellamiste di piccole effimere e pesce attivo sulle emergenti, compiendo le famose gobbate, con cui è quasi sempre difficile misurarsi e in ultimo le mosche di maggio insetti stupendi che ghermiti dalle trote sono l’immagine che per antonomasia rispecchia la pesca a mosca nel mondo.

Tutto è girato nel senso giusto e ci siamo proprio divertiti, questa gita la fariooricorderemo con piacere anche per alcune aneddoti simpatici: come la trota sotto il lodge sul Ribnik che la mattina faceva colazione con noi a base di pane, la “superscimmia” che mi è salita perché non riuscivo a prendere almeno un temolo e Andrea gentilmente mi ha lasciato una bollata, il naso di Roberto che dopo la giornata di sole era tale e quale a un peperone oppure il bagno imprevisto di Andrea che ha deciso di salutare in questo modo la sua ultima ora di pesca ultima fariosul Gacka.sterminator

Come da tradizione anche in questa occasione è nata la mosca miracolosa quella che prende più delle altre quella che ti risolve tutti i problemi quella che batte pure il famoso “punkcake”  la “STERMINATOR” una sedge enorme un misto di cdc e…e vabbè non posso svelare tutto.

D.N.R.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli, Reportages. Contrassegna il permalink.