Il peso della coda

Molto spesso, nella nostra esperienza di pescatori a mosca, ci capiterà di dimenticare il peso della coda di topo. Le cause possono essere tante come:

  • ritrovarla montata su un mulinello che non utilizzavamo da tanto tempo;
  • ne possediamo più di una, di misure e pesi differenti;
  • non si trova più la scatola originale;
  • è passato tanto tempo dall’ultima volta che  l’abbiamo usata e si è staccato il bollino adesivo col numerino scritto e incollato, all’interno della bobina, come si faceva qualche anno fa;

solo per citarne qualcuna.

A questo punto per rinumerare la nostra coda ci dobbiamo servire delle tabelle standardizzate AFTMA (America Fly Tackle Manifacturers Association), che possiamo trovare più specificamente e dettagliatamente disponibili in rete, e che riportano il numero di coda in funzione del loro peso. Esse sono state definite per dare un punto di riferimento univoco  tra i costruttori di code e i costruttori di canne. Le tabelle originali parlano di misure di peso in grains, che corrispondono a 0,0648 grammi, ma per praticità, ho preferito inserire la parte di tabella con la misura di coda ed il peso corrispondente in grammi, che noi utilizziamo normalmente come unità di misura.

Intervallo (g.) Peso (g.)
Coda (#)
3.49-4.27 3.88 1
4.79-5.57 5.18 2
6.09-6.86 6.48 3
7.38-8.16 7.77 4
8.68-9.46 9.07 5
9.84-10.88 10.3 6
11.46-12.50 11.98 7
13.08-14.12 13.60 8
14.09-16.20 15.55 9
17.49-18.79 18.14 10
20.60-22.16 21.38 11
23.84-25.60 24.62 12

peso-codaPer controllare di quale peso è la nostra coda dovremo misurare con un metro i primi 9,15 metri circa 30 piedi e, escludendo la rastremazione iniziale, li avvolgeremo a spire sul palmo della mano lasciando fuori la parte rastremata iniziale e l’eccedenza. Li appoggeremo poi su una bilancia elettronica che pesa i grammi, meglio se i decimi di grammo, lasciando fuori come detto prima, la punta e tutto il resto della coda come si vede nell’immagine.

Possiamo ora leggere sul display  i grammi effettivi della coda. Verificheremo in tabella  in che intervallo è situato il peso letto e in corrispondenza  avremo numero di coda. Se prendiamo per esempio la coda della foto, i 10g. si piazzano nell’intervallo 9,84-10,88 della tabella per cui la nostra coda sarà una #6. Questo motodo di misura è valido sia per una DT che per una WF, questo perchè la lunga rastremazione finale della WF inizia oltre i 9,15 metri e quindi non inficia la nostra misura.

A questo punto vorrei consigliarvi di fare una cosa, e di farla anche ogni volta che acquistate una coda nuova e che quindi ne conoscete con certezza la misura, prima di montarla sul mulinello, dovrete marcare la coda. Per marcare la coda io utilizzo un metodo grafico semplice e intuitivo, dal momento che è impossibile scrivere direttamente il numero sulla coda, visto il poco spazio disponibile. Con un pennarello medio indelebile nero a circa 20 cm. dall’inizio e a 20 cm. dalla fine della coda fate un segno stretto intorno alla coda di circa 1 mm. che identifica il numero 1 e un segno largo di circa 4-5 mm. che identifica il numero 3.  Per esempio una coda del 2 saranno due segni stretti, una coda del tre un solo segno largo, una coda del 4 diventerà un segno largo ed uno stretto e così via.

Con questo segno non rovinerò la coda ma sicuramente saprò riconoscerne il peso in ogni momento.

r.t.

Questa voce è stata pubblicata in Tecnica e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.